Nel 25esimo anniversario della strage di via D’Amelio si rinnova la memoria del giudice Paolo Borsellino e degli agenti della scorta con la tradizionale Fiaccolata in programma a Palermo mercoledì prossimo. L’iniziativa è promossa dalle sigle “Comunità ’92” (coordinamento che unisce le varie anime della destra siciliana) e “Forum XIX Luglio”, cartello che raggruppa trasversalmente associazioni e movimenti di ogni tipo. Il concentramento è previsto per le 20.30 a piazza Vittorio Veneto (Statua della Libertà).

Il corteo attraverserà poi via Libertà, via Autonomia Siciliana per arrivare in via D’Amelio dove verrà deposto un tricolore e intonato l’inno nazionale.

“Come ogni anno sarà un corteo silenzioso e senza comizi finali, nel rispetto della sobrietà che contraddistinse in vita Paolo Borsellino – spiegano gli organizzatori -. Quest’anno la Fiaccolata giunge alla sua 21esima edizione confermandosi la più longeva manifestazione antimafia in Sicilia, capace negli anni di aggregare trasversalmente migliaia di siciliani e tanti altri cittadini di altre regioni nonostante sia stata ideata nel 1996 dal movimento giovanile di Alleanza nazionale. Non una manifestazione di parte ma evento ormai patrimonio di tutta Palermo”.

Anche quest’anno è prevista un’ampia partecipazione da tutta la Sicilia grazie all’adesione di oltre cinquanta tra associazioni e movimenti e di tredici Comuni siciliani (Palermo, Bagheria, Ficarazzi, Santa Flavia, Caltagirone, Vittoria, Riposto, Linguaglossa, Mascali, Termini Imerese, Niscemi, Palma di Montechiaro e Trabia).

“Tutto per la Patria” sarà il messaggio portante di questa edizione scelto per ricordare l’adesione del giudice antimafia ai valori nazionali e all’etica del dono, senza se e senza ma, verso la propria la patria e il proprio popolo.

“Alla luce delle recenti svolte sull’indagine dell’omicidio di Enzo Fragalà, avvocato e parlamentare di Alleanza nazionale, che hanno confermato la mano mafiosa – concludono gli organizzatori -, sarà esposto uno striscione durante la manifestazione in sua memoria”. (Nella foto l’edizione dello scorso anno)