Le comunità militanti milanesi, come tutti gli anni, organizzano  il tradizionale omaggio alle vittime della violenza comunista ed antifascista. Quest’anno la memoria si rinnoverà in un forma inedita che renderà ancora più forte ed intenso il ricordo nel quarantesimo della morte di Sergio Ramelli.

Questo 29 aprile la commemorazione sarà diversa, più impegnativa e coinvolgente: non più un corteo silenzioso, ma una lunga, intensa serata in cui si alterneranno musica, poesie, canti e parole, in un omaggio corale ai caduti. L’omaggio si svolgerà in piazza, per un’intera serata dedicata a Sergio, Enrico Pedenovi e Carlo Borsani, coivolgendo l’intero quartiere dove Ramelli ha vissuto e dove è stato colpito a morte. Sarà una festa composta, vivifica, e grande come mai a Milano si è vista.
Punto di ritrovo in viale Argonne, dinnanzi alla Chiesa intitolata ai Santi Nereo e Achilleo. Un luogo non scelto a caso.
In quella piazza ed in quella Chiesa, 40 anni fa, si svolsero i funerali di Sergio (così come di Mamma Ramelli, morta due anni fa). In quella stessa piazza quarant’anni fa dovette arrivare quasi di nascosto, dall’obitorio di Piazza Gorini, il feretro di Sergio per un corteo funebre non autorizzato dalla questura e minacciato dalle chiavi inglesi degli stessi assassini.

Per la prima volta Milano ascolterà in pubblica piazza le canzoni, le poesie, i testi e la musica dei gruppi dell’area non conforme che hanno segnato con le loro canzoni, le loro parole, la loro poesia, la loro passione i 40 anni che ci separano dalla morte di Sergio. I brani che verranno interpretati sono stati scelti con cura nel vasto repertorio della musica alternativa e rappresenteranno in più di due ore di musica la catena continua ed ininterrotta delle generazioni presenti in piazza; generazioni di militanti che hanno raccolto e si sono passate per mano, il testimone della memoria.
Nel corso di tutta la serata, tutti potranno portare un fiore o un lume in via Paladini, al murales che ricorda il luogo in cui venne aggredito e ucciso Sergio.
La Commemorazione si concluderà come da tradizione con il rito dell’Appello.

Questo 29 Aprile 2015 sarà un fiume in piena che riempirà le vie della città e scuoterà le coscienze assopite portando in alto il volo dei nostri cuori a raggiungere Sergio, Enrico e Carlo nel cielo d’Aprile. La serata sarà preceduta, alle ore 20, da una Messa in suffragio di Sergio Ramelli celebrata nella Basilica dei Santi Nereo e Achilleo.