2015: si avviava al fallimento la Popolare di Vicenza. Sarebbero bastati due miliardi per salvarla e salvare così i soldi di decine di migliaia di italiani. L’Unione Europea, ovvero la Germania, ci disse che era vietatissimo, che l’Italia non doveva permettersi altrimenti l’avrebbero sanzionata, che l’Italia ha troppo debito, che c’era il bail in ecc.ecc.

Il Partito Democratico allora al governo abbassò la testa e spiegò ai suoi elettori che era colpa dei dirigenti della BpopVI (mettendoli alla gogna), che non si poteva salvare una banca coi soldi pubblici, che le regole europee erano quelle e non si potevano modificare ecc.ecc.

2019: si avvia al fallimento Deutsche Bank. La Germania dice che deve essere salvata coi soldi di tutti gli europei e si inventa il MES 2 (il fondo europeo salvabanche). All’Italia chiedono 45 miliardi di euro (per salvare le banche tedesche l’Italia ovviamente può fare più debito). Il PD, nuovamente al governo, ci spiega che è giustissimo avere un fondo salva banche e che bisogna salvare le banche (tedesche) coi soldi pubblici (italiani). “Giuseppi” Conte senza dir nulla al parlamento si accorda.

Bisogna aggiungere altro per giudicarli?