John Wick è un ex sicario che da qualche anno si è ormai ritirato per vivere con la moglie, che muore a causa di un male incurabile; come ultimo regalo della donna John riceve una cagnolina, pochi giorni dopo il funerale, a cui si affeziona molto. Un giorno, mentre è in una stazione di benzina per fare il pieno alla sua Ford Mustang del 1969, viene molestato da un ragazzo russo che vuole comprare a tutti i costi e per capriccio l’auto, ottiene da Wick un chiaro rifiuto. La stessa notte il giovane e i suoi compari si introducono in casa di John, lo picchiano brutalmente e gli rubano l’auto dopo aver ucciso la sua cagnolina. John, ripresosi, si reca dal suo amico Aurelio, un trafficante d’auto a cui il giovane russo si era inutilmente rivolto per rendere la macchina non tracciabile. Lì scopre che ad aggredirlo è stato Yosef Tarasov, il figlio di Viggo, un pericoloso gangster locale. Questi, dopo aver inviato inutilmente i suoi uomini a casa sua per ucciderlo, cerca di convincere John a mettere da parte la sua vendetta, ma questi, irremovibile decide di tornare nel mondo che aveva abbandonato e in cui è ancora noto come “Boogeyman”, “l’Uomo Nero”. Il boss, decide allora di mettere sulla testa di John una taglia da due milioni di dollari e al contempo fa nascondere Yosef in un luogo sicuro, per salvare il figlio.

John si trasferisce al Continental, un lussuoso hotel frequentato da assassini in cui vige la regola ferrea della non violenza, e si mette a cercare Yosef, riuscendo quasi ad ucciderlo nella discoteca Red Circle. Nel frattempo, Viggo si rivolge a Marcus, un altro grande sicario amico di John, proponendogli personalmente di ucciderlo. John, prima di tornare al Continental, si fa curare una ferita. Marcus spara a John, che si è appena sdraiato sul letto, mancandolo di poco, quando subisce l’attacco di Perkins, una giovane mercenaria che tenta di ucciderlo nella sua camera, infrangendo le regole di non ostilità della “Casa”. John la cattura e la interroga, ottenendo l’indirizzo della chiesa che nasconde il caveau di Viggo. John distrugge il caveau di Viggo in cui erano conservati non solo denaro e preziosi, ma anche informazioni con cui ricattava i potenti della città. Viene catturato al termine di un conflitto a fuoco e riesce a sopravvivere grazie all’aiuto di Marcus, che spara a uno dei due sicari prima che questi uccida John. Wick prosegue imperterrito nel suo proposito e riesce a uccidere Yosef dopo aver eliminato tutti gli scagnozzi incaricati di proteggerlo. Portata a termine la missione John considera conclusa la faccenda, ma Viggo per vendetta uccide Marcus, costringendolo a tornare sui suoi passi ed eliminare anche il boss. Al contempo Perkins viene eliminata da Winston, il “direttore” del Continental, per aver infranto le regole. Il duello finale tra John e Viggo vede i due seriamente feriti che si lasciano con la promessa di incontrarsi nuovamente. John si allontana e, giunto in una clinica veterinaria, dopo aver preso del materiale medico per curarsi le ferite libera un cagnolino e lo porta a casa con sé. Il film è uscito nei cinema U.S.A. nell’ottobre 2014 e in Italia è stato distribuito dopo la prima settimana del gennaio 2015. La pellicola, diretta da Chad Stahelski, ha un ritmo narrativo incalzante, si tratta di un bel fumetto messo in onda recentemente dal canale 22 “Iris” del digitale terrestre, ben trasposto in pellicola.

Ancora protagonista Keanu Reeves nel seguito: John Wick – Capitolo 2 (John Wick: Chapter 2), dove Wick si vendica dei Tarasov, riappropriandosi del suo coupé torna a casa pacificato. Il passato non è però morto. Ha ancora un debito con un boss della camorra, Santino D’Antonio (Riccardo Scamarcio). Gli viene commissionato l’assassinio della sorella Gianna (Claudia Gerini) per non avere rivali alla guida della mafia campana. Wick si rifiuta di saldare il debito, il mafioso gli distrugge la dimora. John è costretto a tornare all’hotel Continental di New York, per lasciare il suo amato cane in un posto sicuro e farsi aiutare dal direttore, Winston, a rintracciare D’Antonio, il quale, una volta incontrato, gli fa capire di non potersi sottrarre al “lavoro”, solo la morte di Gianna D’Antonio può estinguere il debito. A Roma Wick pianifica l’assassinio, equipaggiandosi presso il Continental della “Città eterna”. Nel corso di una festa rintraccia Gianna, la quale, capendo di non avere scampo, si toglie la vita. La sua guardia del corpo, Cassian, sorprende John poco dopo il suicidio della donna e dà l’allarme. Il killer riesce ad eliminare gli uomini armati e a fuggire, ma i sicari di Santino, capeggiati dalla muta Ares, tentano di ucciderlo. John riesce ad eliminarli e a fuggire, ma Cassian lo rintraccia e lo assale, dando luogo a un terribile combattimento finché i due finiscono nell’area del Continental dove vige la regola interna della “non violenza”.

John lascia la capitale italiana, ma al contempo Santino mette una taglia di sette milioni di dollari sulla sua testa, volendolo morto per “vendicare la sorella” ed evitare che alla “cupola” lo accusino del crimine. I cacciatori di taglie e i killer a New York tentano così di assassinare John, che però riesce eliminarli uno dopo l’altro, Cassian compreso. Avendo saldato il debito, John ora può eliminare Santino. Il direttore Winston fa firmare la conclusione del contratto a Santino per sistemare gli ultimi affari, accusandolo di avere pugnalato alle spalle John Wick, di avere infine bruciato la sua casa, costringendolo a tornare nel mondo che si era lasciato alle spalle. Da questo momento John non si fermerà più fino a quando non avrà ucciso Santino. Gravemente ferito dai vari scontri avuti, John chiede aiuto ai clochard di New York, che rinunciano a consegnare il killer a Santino e quindi ad intascare i sette milioni della taglia, aiutando invece Wick a trovare il mafioso, dandogli un’arma e ricordandogli che è in debito con loro. John raggiunge Santino ed elimina le sue guardie. Dopo aver neutralizzato Ares, John insegue il boss mafioso fino all’hotel Continental di New York. Il direttore Winston ricorda a John che la legge gli impedisce di spargere sangue sul suolo del Continental, ma il killer elimina comunque Santino. Winston gli riferisce che, a seguito dell’uccisione perpetrata all’interno dell’albergo, è obbligato ad espellerlo “dall’albo” dei sicari e a condannarlo a morte. Inoltre, ora che John ha ucciso un membro della “cupola”, tutti gli altri affiliati alla malavita mondiale gli daranno la caccia per togliergli la vita. John si mette dunque in fuga per scappare da chiunque lo voglia morto, non potendo più fidarsi di nessuno attorno a lui, dato che, in tutto il mondo, è stata posta una grossa taglia sulla sua testa.

Ne “John Wick 3 – Parabellum”, sempre diretto Chad Stahelski, con protagonista ancora una volta Keanu Reeves, John Wick, in seguito alla espulsione “dall’albo” dei killer, è costretto a neutralizzare vari i killer che gli danno la caccia tentando di incassare l’enorme taglia posta sopra la sua testa. Le riprese della pellicola sono iniziate nel maggio 2018  a New York, sono proseguite a Montréal, in Russia, in Marocco e in Spagna. Halle Berry ha dichiarato di essersi rotta tre costole durante la lavorazione della pellicola, distribuita nelle sale cinematografiche statunitensi a partire dal 17 maggio 2019 e in quelle italiane dal giorno prima. Nel primo weekend di programmazione, il film era già al primo posto sia per incassi negli U.S.A., con ben 57 milioni di dollari, sia al botteghino italiano, incassando 1,5 milioni di euro. La LionsGate ha già annunciato il quarto capitolo della serie, dovrebbe uscire nelle sale cinematografiche intorno al maggio 2021.