Altri soldi dei contribuenti per Alitalia (e poco importa che lo Stato Italiano abbia speso negli ultimi 40 anni per l’ex compagnia di bandiera circa 10 miliardi di euro). Adesso arriva un decreto ad hoc per sbloccare un nuovo prestito da 400 milioni; il governo si prepara a vararlo per consentire ai commissari l’utilizzo della nuova liquidità (stanziata col decreto fiscale) anche se non è stata ancora finalizzata la cordata per la (sempre improbabile) cessione.

Insomma, invece di staccare la spina continuiamo a tenere in vita questa malandata compagnia che nessuno, ma proprio nessuno, vuole. Ricordiamo che Alitalia perde circa un milione di euro al giorno e svolacchia in amministrazione straordinaria dall’aprile del 2017 quando Etihad staccò la spina e i lavoratori bocciarono in un referendum un piano di ricapitalizzazione da due miliardi di euro e con circa 1.000 esuberi. L’agonia continua…