Riconsacrata la chiesa di San Giorgio a Telskuf, nel Kurdistan irakeno, che era stata gravemente danneggiata e profanata dai miliziani dell’Isis. L’otto dicembre scorso il luogo di culto era stato restituito alla comunità cristiana grazie al contributo di 100mila euro da parte di Aiuto alla Chiesa che Soffre.

“Un messaggio di speranza e di vittoria. Isis voleva cancellare la presenza cristiana e invece i jihadisti se sono andati, mentre noi siamo tornati”. Con queste parole, monsignor Bashar Matti Warda, arcivescovo di Erbil (nella foto), ha salutato la rinascita della chiesa.

“La riapertura della chiesa rappresenterà un potente incentivo per il ritorno dei cristiani in questa cittadina e in tutta la regione – ha dichiarato il presule a margine della funzione -. La Chiesa di San Giorgio è più bella e gloriosa di prima”.

La restaurazione dell’edificio religioso rientra nel piano Acs per la ricostruzione dei villaggi cristiani della Piana di Ninive, grazie al quale il 33 per cento della popolazione cristiana, ovvero 6.330 famiglie, ha potuto finora fare ritorno alle proprie case. A Telskuf, villaggio iracheno a soli 32 chilometri da Mosul, è già rientrato il 67 per cento delle 1500 famiglie che vi abitavano fino all’agosto 2014: la più alta percentuale di ritorno dell’intera Piana di Ninive.

Un traguardo impensabile poco più di un anno fa, quando il villaggio era deserto, semidistrutto e in completo abbandono, mentre la chiesa di San Giorgio portava ancora i segni della profanazione, in primis una statua della Madonna decapitata.

“Ora che i due terzi degli abitanti vivono nuovamente a Telskuf – spiega mons. Warda – era importante dare un segnale forte e positivo: il restauro di San Giorgio e quindi la ripresa delle attività della Chiesa”. Il presule ringrazia a nome del suo gregge tutti i benefattori di Acs che hanno sostenuto i cristiani d’Iraq in questi anni difficili e che oggi stanno permettendo loro di tornare a casa.

“Grazie per aver reso possibile questa vittoria del ritorno! La riapertura della nostra chiesa è un potente simbolo e rafforza la nostra determinazione a ricostruire i nostri villaggi. Grazie a voi possiamo lodare Dio che ha preservato la presenza cristiana in questa terra”.