E’ una di quelle notizie che ti fanno storcere il naso e corrugare la fronte. E non certo perché un parlamentare sia imputato con l’accusa di concorso esterno in associazione mafiosa (che, a dirla tutta, non fa più notizia), ma perché a confermare Antonio D’Alì – su indicazione del Pdl – come rappresentante del nostro parlamento, all’ Assemblea parlamentare euro mediterranea, è stato l’ex procuratore nazionale antimafia Piero Grasso, neoeletto presidente del Senato. D’Alì, ricoprirà l’incarico di Vicepresidente della Commissione Economica e di componente della Commissione Energia ed Ambiente.

Posto che vige il principio di non colpevolezza fino a sentenza di condanna irrevocabile e che il processo è ancora in corso con il rito abbreviato dinanzi al gup di Palermo,  la questione è, come sempre, tutta su un piano diviso tra morale e opportunità.

Berta Velardi –  ilsitodipalermo.it