C’era una volta una Siria laica e multireligiosa, garante di pace e tollerenza nell’infuocato Levante. Ad essa il presidente della Repubblica italiana Giorgio Napolitano, in visita ufficiale a Damasco, levava il calice e augurava ogni bene. Era il 4 aprile 2010. Pochi mesi dopo, “qualcuno” decise che Assad era un tiranno e il suo regime una mostruosità. Il resto è storia d’oggi. A voi il giudizio…