Sempre alta la tensione nelle tre repubbliche baltiche e a Varsavia. La Lettonia ha ottenuto  finalmente un ulteriore impegno da parte della NATO con lo schieramento sul suo territorio di un migliaio di soldati canadesi, italiani, portoghesi e polacchi. Nel frattempo in Estonia sono in arrivo unità britanniche mentre in Lituania saranno presenti forze armate tedesche. In Polonia sono già operativi da dicembre scorso reparti  statunitensi.

Per la nostra struttura militare si annuncia un nuovo impegno rilevante: dal 2018, l’Italia sarà la nazione guida nel VJTF, una task force di pronto intervento in caso di un’eventuale – ma alquanto improbabile… – invasione russa. Forte l’irritazione al Cremlino, ma i toni rimangono bassi in attesa dell’incontro tra Putin e the Donald.