Giorgia Meloni è mamma. Auguri da tutti gli amici di Destra.it — coordinatori, redattori, collaboratori, lettori — ai genitori e ben arrivata, in questo mondo difficile, alla piccola Ginevra.  th-9

Una bella notizia. Ma come sempre non mancano gli scemi, i poveretti, gli invidiosi. Gente cattiva e stupida. Da subito, sulla rete i soliti “leoni da tastiera” — attenzione, non i sinistrosi ma i nazitonti, i “duri e puri” e tutta la spazzatura “tricolore” assortita — hanno iniziato  a diffondere sul web odio e calunnie, bugie e stronzate.

A loro avviso, la piccola Ginevra sarebbe nata in una lussuosa clinica svizzera. Apolide come una qualsiasi bimba di ricconi senza patria. Sul web un turbinio di  “vergogna, vergogna” , e giù insulti e insinuazioni. Pettegolezzi e sciocchezze. Un segno dell’ulteriore imbarbarimento dell’insopportabile destrina piagnona e funeraria, perdente quanto ridicola. Spezzoni di un’umanità triste e malata con cui non è più possibile e necessario alcun dialogo.

Ecco allora il messaggio agrodolce di Giorgia Meloni. Lo riportiamo, volentieri, in modo integrale.

«Voglio dire ancora una volta grazie a tutto il personale ostetrico, medico e sanitario dell’ospedale San Camillo – Forlanini di Roma, che mi ha aiutata a far nascere la piccola Ginevra. Diversamente da quanto scrive qualcuno, cioè che avrei partorito in Svizzera (😳la gente non sta bene) io mi fido della sanità pubblica italiana e del suo personale umano, spesso costretto a lavorare in condizioni non proprio eccellenti. Grazie ancora a tutta la squadra, a partire da Gabriella e Paola, medici e amiche. Rifarei la stessa scelta cento volte e la consiglio a tutte le future mamme».

Complimenti a Giorgia e al suo compagno, e tanti, tanti auguri a Ginevra…

 

Giampiero Cannella e Marco Valle