Si vocifera che nella nuova manovra ci sia spazio – tenuto ovviamente ben secretato – per prelievi forzosi da parte dei Comuni a carico di cittadini presunto inadempienti sul versante fiscale, con diritto di “prosciugare” denaro dai conti dei privati, in totale autonomia operativa. Interrogato dai media al riguardo, “Giuseppi” Conte ha detto di “non saperne nulla”, il che francamente non sorprende, vista la consistenza della sua azione di governo.


Rischiamo però di finire per saperne molto noi sudditi/schiavi, ormai esposti a prelievi forzosi di impronta incredibilmente totalitaria (gli unici che i democratici H-24 di casa nostra non riescono a vedere, forse perché preda del paradosso popperiano che li rincretinisce da sempre…) da parte di un regime morente che cerca solo di sopravvivere a se stesso a forza di colpi di mano.


Sarò comunque curioso di vedere il Comune di Roma procedere a carico del nucleo familiar/parental/relazionale del mitico Giuseppi, che qualche problemino fiscale si dice lo abbia…