In questi tempi di confusione e disonore viene spesso da chiedersi “chi comanda in Italia?”, “chi esercita il potere delle grandi decisioni?”. Giulio Sapelli – economista controcorrente e simpatico eretico – tenta (con successo) di rispondere a questo interrogativo. A suo modo, ovvero scavando nelle vicende di questo lunghissimo dopoguerra e comparando la storia nazionale a quella europea e internazionale.

Sociologia, scienza politica, economia, filosofia e storia sono le armi della sua indagine. Il potere è lo studio delle relazioni influenti in un aggregato umano che chiamiamo società. In Italia le relazioni influenti sono sia di tipo personale, sia di tipo istituzionale, come del resto in tutto il mondo. Ma ciò che fa dell’Italia un caso unico (e poco gradevole…) è che nelle relazioni istituzionali, fino alla caduta del muro di Berlino, i partiti hanno sostituito lo Stato.

Il potere in Italia è stato per quarant’anni l’intreccio tra partiti, grandi imprese e Mediobanca. Oggi, con il declino delle grandi imprese e dei partiti, la mucillagine del potere emerge come peristaltica ricerca di equilibri instabili tra piccole imprese, banche in crisi e partiti delegittimati o semplicemente inutili. L’unica vertebrazione del potere rimasta è la magistratura, che non a caso ha un’autorità enorme e (terribilmente) inquietante, unitamente ai condizionamenti internazionali di una sovranità (nazionale ed economica) sempre più ristretta in cui l’egemonia anglo-americana è stata in buona parte (un punto su cui dissentiamo parzialmente da Sapelli ) sostituita da quella germanica.

In ogni caso “Chi comanda in Italia?” è un lavoro importante, prezioso e, non a caso, trascurato dal circuito mediale.

Un’ultima annorazione: in appendice, l’autore ha inserito la lettera aperta del 1996 di Helmut Schmidt a Hans Tietmeyer, allora Presidente della Bundesbank. Un documento di grandissima attualità che merita d’essere letto e meditato. Con molta attenzione.

Giulio Sapelli

CHI COMANDA IN ITALIA?

Guerrini e Associati,

pagg. 151,Euro 12,50