Lasciami entrare (svedese: Låt den rätte komma in) è una interessante pellicola horror, nella quale rileviamo la presenza dell’elemento politico, sociale e culturale, liberale, conservatore e nazionalista, che si libera facendo tremenda, terribile ed orrida giustizia, in modo sovrano e identitario, delle larvate, stantie, violente e subdole, costrizioni collettiviste social-comuniste nordiche ed europee in generale. Diretta da Tomas Alfredson, si tratta della versione cinematografica tratta dall’omonimo romanzo di John Ajvide Lindqvist, che è anche autore della sceneggiatura. Ha ricevuto numerosi premi tra cui un Best Narrative Feature al Tribeca Film Festival. La pellicola è stata distribuita nelle sale italiane nei primi giorni di gennaio del 2009.

1981: in una fredda notte di Stoccolma, Oskar, un ragazzino di 12 anni maltrattato e picchiato dai compagni di scuola nell’indifferenza sia della madre che del padre, incontra Eli, una ambigua ragazzina dai lineamenti balcanici, che si è trasferita da poco nel suo quartiere con un uomo di mezza età, di nome Håkan. A Blackeberg, quartiere dove vivono, iniziano a verificarsi efferati e misteriosi omicidi, che gettano nel terrore la popolazione. Oskar rimane però colpito non negativamente dagli omicidi, proiettando sul piano sociale e psicologico circostante pensieri tra la giustizia e la vendetta, sperando che l’autore di tali crimini possa punire i ragazzi violenti ,che da tempo ormai gli rendono la vita impossibile. Nel frattempo l’amicizia si trasforma in relazione sentimentale e tra Eli e Oskar l’amore diviene profondo, nonostante la ragazzina manifesti caratteristiche antropologiche inquietanti. Ambientata a Blackeberg, sobborgo di Stoccolma, la pellicola è stata girata a Luleå, nel nord della Svezia, per garantire ambientazioni più nevose e un clima ancora più rigido. La pellicola è stata presentata in anteprima assoluta il nell’inverno 2008 al festival del cinema di Göteborg, successivamente è stata presentata in altri festival di tutto il mondo, registrando di volta in volta premi e critiche entusiastiche. Negli Stati Uniti è stato distribuito con una restrizione di tipo R, a causa di alcune scene sanguinose e violente e per alcune immagini di breve nudità.

In Italia, dopo essere stato presentato al Torino Film Festival, è uscito nelle sale il 2 gennaio 2009, distribuito dalla Bolero Film. La Bolero ha scelto il film di Alfredson, assieme a L’ospite inatteso di Tom McCarthy, per dare il via alla propria attività nella distribuzione cinematografica. Il film contiene i seguenti brani musicali: Försonade di Agnetha Faltskog, Kvar i min bil di Per Gessle eFlash in the night di Tim Norrel e Björn Håkanson.

Interpreti: Kåre Hedebrant: Oskar, Lina Leandersson: Eli, Per Ragnar: Håkan, Henrik Dahl: Erik, Karin Bergquist: Yvonne, Peter Carlberg: Lacke, Ika Nord: Virginia, Mikael Rahm: Jocke, Patrik Rydmark: Conny, Karl-Robert Lindgren: Gosta, Anders T. Peedu: Morgan, Mikael Erhardsson: Martin, Pale Olofsson: Larry e Johan Somnes: Andreas.