Cara Presidente Meloni, nelle ultime due settimane hai riservato molte soddisfazioni, non solo a noi di questo Giornale o di FdI-AN, ma anche al Popolo della Destra in generale.

Intanto hai fermato un Berlusconi lanciatissimo su Marchini.Poi, a Bologna hai pronunciato il discorso giudicato dai commentatori, il più completo politicamente fra quelli dei tre Capi e martedì nelle interviste al Tempo ed a Floris su La7 hai rappresentato la nuova Coalizione come un rapporto fra pari.

Questi tre episodi, tuttavia, devono indurci a serrare le fila, perchè, se descrivono una Tua ferma volontà di riportare la Destra ad un ruolo da protagonista nel costituendo Destra-Centro, dobbiamo aspettarci che questa volontà non risulterà gradita ai nostri “cari alleati”.

Dubitiamo della sincera volontà di Berlusconi nel volere ricostruire uno schieramento alternativo a Renzi : questa insistenza sul nome di Marchini, ripetuta, SINO A POCHE ORE FA’, da Vespa a Porta a Porta, che l’ex Premier, (dopo il tuo ALT), adesso subordina alle Tue decisioni in merito ad una Tua discesa in campo, non si spiegherebbe in altro modo che non con una volontà inconfessabile dell’Uomo di Arcore di evitare uno scontro frontale a Roma tra Forza Italia e Renzi.

Ricordiamoci,Presidente Meloni, della sortita della Lorenzin sull’opportunità di una candidatura di Marchini comune a Pd ed FI come argine al Cinque Stelle. Ti sembra casuale ? Dobbiamo pensare ad una fuga in avanti di una politica scaltra come il Ministro della Salute, senza aver prima sentito nessuno ?

Noi non ci crediamo …

Possiamo ipotizzare, Presidente Meloni,che prossimamente incontrerai enormi difficoltà a trovare un candidato di coalizione anche a Milano ?

Matteo Renzi ha , finalmente, capito una realtà a noi nota da SEMPRE : gli Italiani sono moderati e tendono al conservatorismo e si è reso conto che la Sinistra, nel nostro Paese, ha cessato di avere un ruolo sia politico che sociale.

Il Premier ha detto francamente che con questa Legge di Stabilità, sta effettivamente realizzando molte delle proposte classiche di Forza Italia, con la differenza che Lui, il fiorentino, le promesse le sta mantenendo, mentre Berlusconi non l’ha fatto.

Il Segretario del PD sta scientificamente devastando il suo Partito allo scopo di defenestrare del tutto gli epigoni della vecchia Sinistra ex-PCI-PDS-DS allo scopo di accelerarne la mutazione . Perciò, siamo sicuri che il Fiorentino avrà brindato alla nascita di Sinistra Italiana che gli permette di MUSEALIZZARE ancor più velocemente gli ultimi ARNESI ROSSI alla Bersani e Cuperlo

Perciò , Presidente Meloni, La VERITA’ è che questa Legge di Stabilità 2016 E’ IL MANIFESTO POLITICO DEL PARTITO DELLA NAZIONE !

Ed allora, dovremo tenere ben presente la FORZA CENTRIPETA che questo progetto politico può esercitare sui resti di Forza Italia, non solo per i suoi vertici, ma forse anche per parte del suo elettorato e tutto questo Ti e ci IMPORRA’ una strettissima vigilanza sullo sviluppo di questo tentativo di creare una nuova coalizione

TIENI BEN PRESENTE, Presidente Meloni, che il nuovo Partito di Renzi sarà un Centro che guarderà a DESTRA e NON degasperianamente a Sinistra ( dove ormai non c’è un bel nulla da guardare ).

Dicevamo in premessa che,diversi commentatori politici non hanno potuto fare a meno di rilevare il maggior spessore politico del Tuo intervento rispetto a quello del Segretario della Lega. Il Tuo è stato un discorso di ampio spettro che, sia pur sinteticamente, ha affrontato tutto l’insieme dei problemi che il nostro Paese deve, al momento affrontare.

Inoltre, hai richiamato l’ORGOGLIO NAZIONALE. Un tema questo che , per evidenti motivi, alvini non è nelle condizioni di affrontare .

Nella coalizione Destra-Centro, la partita, ormai, la giocano DUE SQUADRE, una con CT Meloni, e l’altra con CT Salvini. Noi, però, siamo convinti che solo la Destra possa fronteggiare il RENZISMO VESTITO IN TRICOLORE e, perciò, Ti esortiamo alla fermezza sulla candidatura a Roma. Perfetta l’impostazione della questione per come l’abbiamo letta sul Tempo.Tuttavia, chiarito il programma ,verrà il momento di scegliere il candidato

ORBENE : il quadro politico vede il PD che, fra il disegno devastatore di Renzi ed i DISASTRI di Roma, Campania e Sicilia, rischia sul serio di franare alle amministrative, MANDANDO IN PALLA I DISEGNI RENZIANI.
Dal canto suo, il Cinque Stelle, é SFACCIATAMENTE impegnato a fare il POSSIBILE per NON VINCERE a Roma ed a Napoli, temendo come la peste il governo delle metropoli.  Stanno, però, gestendo malissimo questa fuga dalla responsabilità politica e gli elettori non sono scemi e potrebbero MOLTO FACILMENTE PUNIRLI.

In questo quadro, la coalizione Lega-Forza Italia-FdI-AN,ha, invece, una certezza e ce l’ha a Roma nel Tuo nome ed è corroborata dalle indagini demoscopiche che attestano la tua vasta popolarità nella Capitale.

Pertanto, porre la Tua candidatura, per un verso mette alla prova la lealtà sia di Berlusconi che di Salvini, ma, per altro verso può lanciare la Coalizione verso un successo, E TALE SAREBBE ANCHE SOLO ARRIVARE AL BALLOTTAGGIO nella Capitale azionando, così, un volano formidabile per battere Renzi al referendum sulle SCIAGURATE RIFORME COSTITUZIONALI che si terrà nel prossimo autunno ed, a quel punto, prepararsi alle elezioni politiche con grosse prospettive di successo.

INFINE : un Tuo successo,anche non significando elezione, ma SICURAMENTE conquista di grande consenso, determinerebbe, PERLOMENO, una enorme crescita della credibilità del Partito e Tua come pilastri della nuova coalizione.

Questo, Presidente Meloni, è davvero un momento decisivo per la Destra Italiana e per il Centrodestra o Destra-Centro che pare si profili. Potrebbe essere in arrivo il l’opportunità di sbaragliare i disegni neocentristi di Renzi  e le fanfaronate di Grillo.Tu puoi avere un ruolo CENTRALE nella vicenda.Rifletti bene e noi speriamo che questo contributo ti sia utile.

 

NdR: Secondo un sondaggio realizzato da Datamedia Ricerche per Il Tempo, Giorgia raccoglie 26,7% dei consensi dei romani, il grillino Di Battista il 19,4% e il “civico” Marchini il 13,1%. Dietro di loro l’ex sindaco Ignazio Marino che prende 12,8% superando gli altri due democratici testati, Fabrizio Barca (10,1%) e Roberto Giachetti (2,1%). Tra gli altri candidati l’alfaniana Beatrice Lorenzin ottiene il 4,9% e la grillina Virginia Raggi un misero 2,7%