Cara ragazza antifa che hai scritto su un cartone alla manifestazione antirazzista ed antifascista di sabato 10 febbraio : “STRANIERI NON LASCIATECI SOLI CON I FASCISTI !” e poi hai aggiunto “la mia fica dice no al fascismo”  ti debbo innanzitutto ringraziare , perché certe volte è difficile spiegare a quali alte vette di imbecillità la sinistra tutta possa arrivare.

Vorrei sommessamente farti notare che hai vergato queste parole, dopo che solo pochi giorni prima una tua coetanea e , si può dire connazionale ?, è stata uccisa e smembrata in più pezzi da alcuni stranieri. Buon gusto e rispetto avrebbero richiesto il silenzio. Ragazza un domani ti innamorerai di qualcuno , te lo auguro di cuore, così ti scrollerai di dosso quell’odio che ti rende cieca ; quel ragazzo di domani potrebbe essere straniero, potrebbe essere un compagno, ma potrebbe anche essere di destra. Perché il detto “al cuor non si comanda “ non è proprio così campato in aria. Sai a quante ragazze di sinistra e di destra è capitato che” quello della prima volta “ fosse di idee opposte alle proprie ?

“Stranieri non lasciateci soli con i fascisti “ : secondo le tue strampalate teorie significherebbe che i “fasci “ italiani sono cattivi e gli stranieri sono tutti buoni. Tu evidentemente sei tutta casa e centro sociale ed il mondo non hai ancora avuto il modo di conoscerlo, fortuna che invece è toccata a me.

Se tu avessi girato il mondo avresti visto genti e luoghi bellissimi, ma anche miserie desolanti.

Vedi , io mi sono commosso ad entrare in una capanna di un villaggio Masai, ad assistere ad una lezione in una scuola elementare fatta di stuoie in mezzo alla savana ma ho visto anche tremende crudeltà .

Ho visto il cadavere di un bambino ai margini di una strada in Nigeria, abbandonato nell’indifferenza di chi passava. Ho soccorsi due operai russi, scampati ad una rapina, con dei proiettili in corpo, per fortuna non in parti vitali, come ad un loro collega in mezzo alla giungla. Un mio collega fu chiamato al riconoscimento di un giovane nigeriano decapitato ; si accorse in quel momento che testa e corpo non avevano corrispondenza, quindi i morti erano due, cose “normali” da quelle parti.

Vedi, ci sono stranieri buoni e stranieri cattivi, come in tutte le realtà , però noi Italiani una fortuna ce la abbiamo e tu evidentemente non l’hai ancora capita ; noi Italiani , tutti destra e sinistra e centro , siamo eredi di una grande civiltà, quella nata nella Cristianità, che porta un messaggio di amore e di rispetto per il prossimo ; una civiltà millenaria che ha impiegato secoli ed infiniti errori e crudeltà per giungere a costituire una società dove l’uomo e la donna hanno gli stessi diritti, dove i bambini sono la gioia più grande e non una forza lavoro. Dove esiste la libertà , anche per dire le tue stronzate ; che mi auguro un giorno rinnegherai, me lo auguro soprattutto per te stessa che appari come una bella ragazza, con un sorriso che non merita quella frase.

Vedi io sono stato uno dei pochissimi europei ad assistere al Kumba Melha , il più grande raduno di pellegrini della storia umana, ad Allahbad, in India. Trenta milioni di fedeli, un milione al giorno per un mese, si sono trovati in una grande festa religiosa ; vivere accanto a tanta gente , vestita di ogni colore, in un festival di canti e di musica ti porta ad un senso interiore di pace. Ma poi ti imbatti nei santoni con il Rolex, che ammiccano alla bella straniera europea , che la invitano ad appartarsi con loro e capisci che tutto il mondo è paese. Ed ancora vedi i paria , gli intoccabili, che ancora esistono e sono il grado più basso di razzismo esistente al mondo ed abitano in India,nel paese della spiritualità .

Cara ragazza, quelli che chiami fascisti , sono tutt’attorno a te, non li abbandonerai mai ; perché nella tua ossessione ideologica oggi i “fasci” sono i leghisti e i ragazzi di CasaPound, domani quelli di centrodestra in toto, fino ad arrivare ai compagni dissidenti. E’ successo in tutte le società comuniste : erano “fascisti” i compagni italiani finiti in Unione Sovietica durante l’era di Stalin e poi rinchiusi nei gulag, dove un Togliatti distratto li lasciò morire di fame. Erano “fascisti” i partigiani della brigata Osoppo uccisi a Porzus dai compagni della brigata Garibaldi ; lo erano anche i preti ed i podestà gettati nelle foibe o sterminati nel triangolo della morte in Emilia nel 1945. Fascisti erano chiamati in Cambogia i borghesi , medici, avvocati, bonzi, insegnanti, lasciati marcire nei lager di Pol Pot.

“Stranieri non lasciateci soli con i fascisti” ; rifletti ragazza, sei tu la straniera, tu per loro non sei una compagna , sei una ragazza bianca, ricca, occidentale, carne da macello per lsis. I carnefici di Pamela non le hanno chiesto a quale ideologia appartenesse, se era una fascista o una comunista, l’hanno massacrata e basta. Perché non sei solidale con lei ? Forse perché la sua morte ha “sporcato “, ma appena appena intendiamoci, il tuo mondo immaginario di buoni stranieri e cattivi italiani ?

Cara ragazza, ti auguro solo di non doverti ricredere per una brutta esperienza. Mi auguro invece che se stesse per capitarti qualcosa di terribile, ci sia un bravo ragazzo di destra a venirti a salvare. Per me sarebbe la vendetta più grande . Ma ho paura che anche allora non capiresti.