Capisco che sia corretto stigmatizzare il comportamento ‘sopra le righe’ tenuto da pochissimi esponenti delle Forze dell’ordine durante gli scontri della manifestazione di Roma.

Trovo però di pessimo gusto l’operato del sottosegretario all’Interno Filippo Bubbico che in una intervista rilasciata a Repubblica critica lungamente i suoi uomini mentre dedica solo tre righe di morbida condanna ai violenti che hanno devastato la città e aggredito le Forze dell’ordine. Non pago, il sottosegretario senza dare alcuna proposta o previsione su come almeno limitare l’azione organizzata e devastatrice di manifestanti violenti, torna oggi sull’argomento sostenendo che “occorre riprendere una riflessione sull’introduzione di codici identificativi per gli agenti di pubblica sicurezza”.

Da uomo di sinistra Bubbico dimostra tutta la sua allergia agli uomini in divisa, la sua tolleranza per le manifestazioni violente e quindi la incompatibilità con l’incarico che ricopre. Ci aspettiamo da parte del ministro Alfano parole di chiarezza in proposito.