Un’idea folle su dove trascorrere le feste natalizie? L’Albania, un paese da scoprire. E dove riscoprire la storia. Qui le città parlano italiano. Basta camminare per il centro di Tirana, lungo il boulevard che taglia in due la città, e si scoprono le opere dei nostri architetti, sbarcati qui già negli Anni Venti. In Piazza Madre Teresa, già piazza Littorio, lo stile italiano impera. Un salto nel passato. Magari anche visitando il gigantesco bunker anti atomico costruito dal dittatore comunista Henver Hoxha, appena trasformato in museo, con foto e video inediti, che ricoprono la storia dalla presenza italiana fino alla caduta del regime comunista.

Chi ama l’originalità, può mangiare un boccone sulla spiaggia di Durazzo, nel bunker trasformato in ristorante. E poi andare a dormire in uno dei bunker trasformati in mini hotel, con una feritoia per finestra. D’altronde, l’Albania è disseminata di bunker. Nella sua follia paranoide, Hoxha ne costruì 180mila, temendo chissà quale attacco. E non aveva neppure soldati sufficienti per presidiarli.