In fondo, la democrazia è davvero “il migliore dei sistemi possibili”, ma per i politici…
Vai al governo sulla base di promesse e di balle spaziali, (s)governi, rovini la vita di milioni di persone riducendole alla fame, inducendole al suicidio, rubando loro i patrimoni, privandole del loro lavoro, e poi ti dimetti, sull’onda del malcontento popolare. Se fossi stato un dittatore, avresti fatto la fine di Gheddafi, Saddam Hussein, Mussolini o Ceausescu. Così, invece, magari rimedi pure il vitalizio, mentre i suicidi e la disperazione che hai provocato rimangono ovviamente del tutto impuniti.

Del resto, “chi muore giace e chi vive si dà pace”. E tu – simpatica carogna dal volto umano – sei sempre vivo, anzi vivissimo e in ottima salute.
Si comprende dunque perché certi sistemi mantengano una dose fissa di seguaci, purché “beati possidentes”, ovviamente…