Il PC di Rizzo è il vero vincitore (morale) delle Europee. Secondo una tabella sull’andamento dei voti reali elaborata da Affari Italiani sui flussi di voto tra marzo 2018 e maggio 2019 il Partito Comunista di Rizzo è la forza politica cresciuta percentualmente di più (+119%) pur senza raggiungere il quorum, mentre la Lega di Salvini (vero vincitore politico delle elezioni europee) guadagna ‘solo’ il 60% piazzandosi comunque in testa tra le preferenze degli elettori.


I Pentastellati perdono il 58% dei consensi, seguiti da Forza Italia con -49% e dal Popolo della Famiglia col -48%. Il PD perde un ulteriore – 19% rappresentato in numeri assoluti da 1 milione e 420 mila voti, che si sommano alla grave emorragia di consensi registrata lo scorso anno.

Tra i pochi in controtendenza troviamo Fratelli d’Italia con 200.000 voti, un +20%. rastrellato per lo più tra gli orfani di Forza Italia (vedi le preferenze di Fitto – 85.000 — e Gardini — 25.000, più altri coriandoli stile Maullu, Santanchè etc.).

Chi ha registrato perdite percentuali più elevate sono però le due formazioni della destra più estrema. Sia Forza Nuova che CasaPound, infatti, registrano un calo di consensi vicino al 70 per cento (rispettivamente 68% e 72%) mentre la lista +Europa della Bonino, rappresentante delle politiche Sorosiane in Italia, resta quasi invariata perdendo un 3% di elettori ma restando comunque esclusa dalla ripartizione dei seggi perché ben al di sotto della soglia di sbarramento.