Due jihadisti statunitensi arrestati dalle forze di sicurezza tunisine. La notizia clamorosa arriva dal nordafrica. La polizia tunisina ha infatti fermato appena in tempo due fratelli di origine americana a Jendouba nel nord ovest della Tunisia trovati in possesso di piani per compiere attacchi terroristici contro le istituzioni di Tunisi.

Secondo quanto riportato da vari media tunisini, fonti della sicurezza hanno rivelato che i due cittadini statunitensi, rispettivamente di 30 e 31 anni, si erano recentemente convertiti all’Islam ed avevano preso in affitto un’abitazione situata tra il campus universitario della città e una moschea. L’intervento della polizia è giunto in seguito ad una segnalazione dei residenti del quartiere che avevano notato lo strano abbigliamento dei due giovani, i quali portavano la barba e abiti di solito indossati da integralisti religiosi.

In seguito alla segnalazione le forze di sicurezza ha condotto un controllo nell’abitazione dei sospetti, che parlano inglese, prima di procedere ad effettuare un’analisi dei loro computer portatili scoprendo al loro interno un piano d’attacco contro le istituzioni tunisine, oltre a vide inneggianti alla “guerra santa” e allo Stato islamico. I due sospetti jihadisti statunitensi sono stati trasferiti presso il dipartimento della lotta contro il terrorismo a

Members of Tunisian security forces stand guard as Tunisians wave their national flag during a march against extremism outside Tunis' Bardo Museum on March 29, 2015. World leaders joined tens of thousands of Tunisians on Sunday to march in solidarity against Islamist militants, a day after security forces killed members of a group blamed for a deadly museum attack. REUTERS/Anis Mili - RTR4VD1K