James Bond, ormai ritiratosi dal MI6, è in quiescenza in Giamaica. Quando un amico di vecchia data, l’agente della CIA Felix Leiter, si presenta da lui chiedendo aiuto. Bond decide di intraprendere una missione per salvare Waldo Obruchev, uno scienziato tenuto in ostaggio. L’iniziativa porterà l’ex agente segreto britannico sulle tracce di Lyutsifer Safin, un terrorista in possesso di armi di distruzione di massa, con le quali intende scatenare un pericolo per l’intera umanità mondiale.

Venticinquesima pellicola della serie di film legata all’agente James Bond, vede per la quinta e ultima volta Daniel Craig nei panni dell’agente segreto dopo le precedenti apparizioni in Casinò RoyaleQuantum of SolaceSkyfall e Spectre. Nell’agosto 2018, a qualche mese dall’inizio delle riprese, Danny Boyle lascia la regia per divergenze artistiche con l’attore protagonista e i produttori dovute, secondo il Telegraph, non solo per la tematica che Boyle e Hodge avevano pensato per il film, ma anche per la decisione del regista di voler “arruolare” Tomasz Kot, attore polacco che in quel periodo aveva recitato in Cold War, film ambientato nella Polonia degli anni 1950. Si vocifera parimenti che il regista avesse l’intenzione di far morire James Bond tra le braccia della “Bond Girl” Lea Seydoux, in modo da lasciare così il campo libero per l’arrivo di un nuovo agente 007 in futuro.

Successivamente al ritiro di Boyle come regista, altri nomi vennero considerati per sostituirlo fra i quali Edgar WrightJean-Marc Vallée Bart Layton e S.J. Clarkson. Nel settembre dello stesso anno viene ufficialmente annunciato che Cary Fukunaga avrebbe diretto la pellicola al posto di Boyle, diventando il primo regista americano nella storia della saga a dirigere un film di James Bond. Fukunaga era stato già contattato per la direzione di Spectre, prima che Mendes fosse riconfermato dopo Skyfall. Craig volle che l’autrice e creatrice della serie tv Killing Eve, Phoebe Waller-Bridge, fosse assunta per modificare e perfezionare la sceneggiatura nella primavera dello scorso anno. Waller-Bridge è la seconda sceneggiatrice a lavorare a un film su Bond dopo Johanna Harwood, che aveva co-scritto Agente 007 – Licenza di uccidere e A 007, dalla Russia con amore.

Al lancio di Bond XXV, Barbara Broccoli ha affermato che l’atteggiamento di Bond nei confronti delle donne si muoverà con i tempi. La Waller-Bridge ha affermato che Bond era ancora rilevante e che “ha bisogno di essere fedele a questo personaggio”, suggerendo invece che i film dovevano crescere ed evolversi, sottolineando l’importanza che il film tratti correttamente le donne. La produzione è iniziata a Nittedal, in Norvegia, con la seconda unità che ha ambientato le scene in un lago ghiacciato. Le riprese principali erano iniziate ufficialmente il 28 aprile 2019 a Port Antonio, in Giamaica. Daniel Craig ha riportato un infortunio alla caviglia a maggio durante le riprese in Giamaica e successivamente ha subito un piccolo intervento chirurgico. La produzione fu ulteriormente interrotta quando un’esplosione controllata danneggiò i Pinewood Studios.

La produzione è tornata in Norvegia nel giugno 2019 per girare una sequenza chiave lungo la Strada dell’Atlantico con una Aston Martin V8 Vantage. La società automobilistica inglese ha anche confermato che i modelli DB5DBS Superleggera e Valhalla saranno presenti nel film. La produzione è poi tornata nel Regno Unito, dove sono state girate scene di Craig, Fiennes, Harris e Kinnear in giro per Londra, tra cui Whitehall e Hammersmith. Nel luglio 2019, le riprese si sono svolte nella città di Aviemore e nell’area circostante del Parco nazionale di Cairngorms in Scozia. Alloggi temporanei furono costruiti in un parcheggio in città per lo staff di circa 300 persone. Alcune scene sono state anche girate alla Ardverikie House Estate e sulle rive del Loch Laggan, appena fuori dal parco. Ci sono state ulteriori riprese a Buttersteep Forest, Ascot, durante l’agosto 2019.

La seconda unità ha fatto tappa nel Sud Italia tra luglio e agosto, dove sono stati allestiti i set tra cui una stanza d’albergo e un finto cimitero e girato le scene con gli stunt man e controfigure di Daniel Craig. Le prima unità è giunta in Italia a settembre dove ha girato molte scene tra cui inseguimenti in Aston Martin DB5 per le vie del centro storico di Matera, un incredibile salto dal Ponte Acquedotto Madonna della Stella a Gravina in Puglia. Le riprese italiane sono proseguite a Sapri alla stazione ferroviaria e a Maratea al canale di Mezzanotte. La fusione dei set di Matera, Gravina in Puglia, Sapri e Maratea darà vita alla fittizia città di “Civita Lucana” per il film. Cary Fukunaga effettua ulteriori riprese alla fine d’autunno del 2019.

Il tema principale, No Time to Die, è interpretato dalla cantante statunitense Billie Eilish, scritta insieme al fratello Finneas O’Connell. Il brano viene pubblicato in pieno inverno di quest’anno. La pellicola sarebbe dovuta uscire nella primavera 2020, ma, a causa della pandemia di COVID-19, è stata rimandata a data da destinarsi. Il 4 marzo 2020 la MGM e la Eon Productions annunciano di aver posticipato l’uscita di “No Time to Die” al 12 novembre 2020 nel Regno Unito e al 20 novembre 2020 negli Stati Uniti. In Italia la pellicola sarebbe dovuta uscire il 9 aprile 2020, ma fu poi posticipata in contemporanea con il Regno Unito. La pellicola uscirà nelle sale cinematografiche del resto del mondo all’inizio di aprile 2021.

 

Interpreti:

 

Daniel Craig è James Bond, ex agente 007

Rami Malek è Lyutsifer Safin, principale antagonista del film. È un criminale dal volto sfigurato nonché sinistra figura legata al passato di Madeleine dalla quale brama vendetta.

Léa Seydoux è Madeleine Swann, psicologa innamorata di Bond.

Lashana Lynch è Nomi, il nuovo agente 007, entrata in servizio attivo dopo il ritiro di Bond.

Christoph Waltz è Ernst Stavro Blofeld arcinemico e fratello adottivo di Bond e capo dell’organizzazione criminale Spectre ora sotto custodia dell’MI6.

Ana de Armas è Paloma, un’agente della CIA che aiuta Bond.

Naomie Harris è Eve Moneypenny, assistente di M e alleata di Bond.

Jeffrey Wright è Felix Leiter, amico e alleato di Bond alla CIA.

Ralph Fiennes è Gareth Mallory/M, capo dell’MI6 e comandante di Bond.

David Dencik è Valdo Obruchev.