Ricordo commosso e con tanto, tantissimo affetto Anita Ramelli, mamma di Sergio, il mio amico. Sergio, allora diciottenne attivista del Fronte della Gioventu’, fu sprangato sotto la sua abitazione dai militanti di Avanguardia Operaia e morì, dopo settimane di coma, il 29 aprile 1975. Scandalosamente, la magistratura impiegò dieci lunghi anni per individuare i responsabili e processarli. Una vergogna.

In questi 38 anni Anita — donna d’estrema dignità e coraggio —  e’ sempre rimasta vicina alle varie generazioni dei giovani di destra che nel nome del figlio hanno sempre trovato motivi di impegno ideale. Dopo la signora Mattei scompare purtroppo un’altra delle mamme di quei tanti ragazzi di destra che sono rimasti vittime della violenza politica.

Sabato 28 saluteremo mamma Ramelli nella chiesa di San Nereo, in viale Argonne. La stessa chiesa dove, in una Milano assediata e crudele, salutammo trentotto anni fa il suo meraviglioso ragazzo. Grazie Sergio. Grazie Anita.